Close filters

Guru

Tipo di contenuto

Loading...

Ricerca in corso

Post

Giugno al MEET | il programma completo

Nel mese di giugno in città si stanno radunando le migliori esperienze dell’architettura e del design con il Salone del Mobile. È una impressionante concentrazione di creatività, ingegno, innovazione, spettacolo e cultura che per una settimana mette MEET al centro dell’attenzione sui temi dell’universo digitale. Cosa implica vivere nel futuro e come lo progetteremo in un mondo sempre più complesso e fragile? Sentiamo la necessità di interrogarci sugli scenari, ma anche di agire per riparare il presente ed esplorare un possibile processo di “ricostruzione” Europea del futuro, dopo la pandemia e la crisi politica internazionale che stiamo vivendo.

Scarica qui il programma completo!

 

dal 5 al 12 giugno

orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 19.00

Tomorrow Living Exhibition

↳IMMERSIVE ROOM e GALLERY

Cosa implica vivere nel futuro? Come dovrebbe essere progettato il nostro habitat? Queste le domande alla base di Tomorrow Living, un progetto promosso da Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame Magazine che si sviluppa in una Exhibition co-creata insieme a Maria Grazia Mattei, Fondatrice e Presidente di MEET Digital Culture Center.

Tomorrow Living Exhibition mette insieme una Documentary Series articolata in quattro capitoli con i pareri di 30 esperti internazionali tra i più influenti designer, architetti, artisti e scienziati ed è arricchita da The Global Home, un’installazione immersiva site-specific ideata dallo studio multidisciplinare Space Popular per trasportarci sensorialmente nei nuovi scenari dell’abitare.

La prima docu-serie – Responsive – è centrata sul rendere gli habitat più adatti ai nostri bisogni e alle circostanze in continuo cambiamento. La seconda – Resilient – indaga su come case, quartieri e città possono diventare più resilienti. L’obiettivo è quello di raccontare come si possa creare un habitat a prova di futuro che sia in grado di modificarsi e di facilitare le connessioni tra le persone. Restorative esamina come le case e più in generale i nostri ambienti possono diventare luoghi di benessere emotivo e fisico. Infine Responsible si concentra su una visione di ciò che la sostenibilità significherà in futuro, cambiando i paradigmi e sfidando i sistemi in cui operiamo attualmente. Imparare ed entrare in sintonia con la natura sarà la chiave per il futuro del pianeta.

The Global Home permette allo spettatore di vivere un’esperienza a 360°. È una sintesi visiva e immersiva, l’installazione mostra nuovi scenari abitativi in un futuro mixed-reality in cui stare sempre più insieme, virtualmente. Partendo dall’idea delle Venn Room, (termine coniato dal duo nel 2019 per descrivere gli ambienti domestici che virtualmente si sovrappongono) Lara e Fredrik hanno sviluppato una serie di stanze virtualmente connesse: l’esperienza immersiva ci trasporta in diversi scenari quotidiani, in continuo movimento, che una piccola comunità di avatar chiama casa.

L’ingresso è libero, si consiglia la registrazione

9 giugno dalle ore 17.00

Urban Phygital Lab | showcase finale

↳MEET THEATER e VR CORNER

Un progetto di rigenerazione culturale e creativa, vincitore dell’avviso pubblico Creative Living Lab terza edizione, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

L’evento è parte anche del New European Bauhaus Festival.

Come immagini il tuo quartiere fra cento anni? Quali sfide dovremo affrontare? Come cambieranno i mestieri nel futuro? Come si trasformerà lo spazio pubblico? Studenti e studentesse dell’ITSOS Albe Steiner del Corvetto e dell’IIS Schiaparelli-Gramsci di Porta Venezia hanno cercato di rispondere a queste domande e, grazie al supporto di artisti e sviluppatori digitali, hanno tradotto riflessioni, speranze e preoccupazioni in opere creative in realtà aumentata e realtà virtuale. L’evento si svolge nel Theater e prevede un intervento pubblico sul tema della rigenerazione urbana e il racconto del progetto. Segue l’esposizione di tutte le opere in AR e VR in visione al VR corner di MEET.

L’ingresso è libero, si consiglia la registrazione

23 – 25 giugno

European Meeting

The New Atlas of Digital Art

↳MEET

23 giugno: dalle ore 9.00 alle ore 17.30

24 giugno: dalle ore 9.00 alle ore 13.00

 

MEET, in collaborazione con il Museo Nazionale dell’Arte Digitale (MAD) recentemente istituito dal Ministero della Cultura, presenta una riflessione sullo scenario frastagliato dell’arte digitale in Europa e mette in luce il potenziale delle sperimentazioni artistiche “native digitali” come driver di innovazione della società. Il Meeting vedrà la partecipazione di numerosi ospiti stranieri, esperti dei centri di cultura digitale, artisti, esponenti del mondo della ricerca e delle industrie, oltre alle istituzioni come Commissione Europea, Fondazione Cariplo, Ministero della Cultura, Città di Milano, Regione Lombardia. Si propone di comporre un Atlante dell’Arte Digitale partendo dalle sue origini per interpretare il presente guardando avanti, non solo attraverso una prospettiva culturale ma aprendo a scenari di trasformazione economica e sociale.

L’European Meeting coincide con le celebrazioni di Strehler 100 e si sviluppa nell’ambito dell’iniziativa S+T+ARTS con il Progetto Regional STARTS Centers Repairing the Present promosso dalla Commissione Europea.

 

Sabato 25 giugno dalle 10.30 alle 14.00

Attraverso video, immagini e presentazioni, il nuovo Atlante dell’Arte Digitale viene presentato alla città di Milano, coinvolgendo i più giovani e le famiglie. Durante la mattinata, in collaborazione con RAI Radio 1, sarà organizzata una diretta durante la trasmissione Eta Beta condotta da Massimo Cerofolini, per riflettere sui temi emersi durante le precedenti due giornate di lavori. In occasione della diretta interverranno Maria Grazia Mattei e Ilaria Bonacossa. Insieme a loro esponenti del mondo del digitale.

L’ingresso è libero, si consiglia la registrazione

da venerdì a domenica

dalle 15.00 alle 19.00

VR Corner con Rai Cinema

Una rassegna di corti in realtà virtuale che, di mese in mese, si arricchisce di nuovi contenuti. La rassegna, inaugurata a luglio 2021, ad oggi vanta 11 contenuti, tutti fruibili gratuitamente con i visori messi a disposizione da MEET. Si tratta di un programma particolarmente apprezzato, che ha visto, nei mesi, un crescendo di partecipazione.

Il nuovo contenuto, disponibile da giugno:

H.O.M. di Girolamo da Schio

Vivere una storia d’amore in una struttura psichiatrica di inizio ’900 grazie alla VR.

H.O.M. è un cortometraggio di Girolamo da Schio che consente allo spettatore di entrare in una clinica psichiatrica del passato, esplorando le proprie emozioni e alla scoperta della storia d’amore tra Edmondo e Teresa. Il corto è parte di un progetto crossmediale che parla di salute mentale, co-prodotto da 8 Production e TockTock con il supporto di Compagnia di San Paolo.


APERITIVI in VR

8 giugno ore 18.30

Living the Metaverse con Valentina Temporin e John Volpato

↳MYMEET LOUNGE e VR CORNER

Nel Metaverso è possibile non solo ricreare lo spazio fisico, ma rielaborarlo, portarlo sul piano dell’immaginario e dell’invenzione oltre i confini della realtà. Valentina Temporin e John Volpato di Ultra ci portano virtualmente nel tema dell’abitare attraverso “appunti di spazio” da sperimentare.

Registrati qui

16 giugno ore 18.30

Into the Mind con Marco Ferrari

↳MYMEET LOUNGE e VR CORNER

La memoria è il primo luogo dove raccogliamo ciò che ci identifica. Cosa accade quando la perdiamo Nell’incontro con Marco Ferrari, CEO e founder di 360Maker, scopriamo in prima persona cosa significa perdere la memoria immedesimandoci in un malato di Alzheimer e come con questa tecnologia si possa promuovere il benessere psicologico del paziente.

22 giugno ore 18.30

Back to the Metaverse con Marco Cadioli

↳MYMEET LOUNGE e VR CORNER

Marco Cadioli è fotografo, artista, docente, ma soprattutto reporter che ha esplorato l’arte nativa virtuale. In questo momento di grande interesse verso i mondi virtuali, tiriamo le fila di una storia dell’esperienza artistica di oltre dieci anni di arte immateriale, quando il Metaverso non si chiamava ancora così. Lo facciamo con uno dei suoi esploratori, che ci mostra le immagini di un mondo digitale apparentemente appena nato.

29 giugno ore 18.30

Extended Museum. Progettazione di spazi virtuali per musei reali con Gianpiero Moioli

↳MYMEET LOUNGE e VR CORNER

La realtà virtuale del Metaverso ci permette di affiancare agli ambienti reali un “gemello digitale” che permette di ampliare l’esperienza spaziale e architettonica, come la creazione di spazi virtuali tridimensionali per usi espositivi. Incontriamo Gianpiero Moioli, architetto, scultore e docente di scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera che ci introduce alla scoperta di ambienti architettonici ibridi.

close-link
close-link