Close filters

Tipo di contenuto

Loading...

Ricerca in corso

Post

La sostenibilità secondo MEET

Reduci dal grande successo della serata Exhibitionist con Guy Bigwood dedicata alla sostenibilità come valore per eventi e fiere e promossa da Fondazione Fiera con Meet the Media Guru, proviamo a sintetizzare il punto di vista di MEET su questo tema.

Per MEET, promuovere la sostenibilità è innanzitutto riprogettare il nostro modo di vivere a partire dalle opportunità che il digitale ci offre. A MEET siamo convinti che aumentare la cultura digitale di una comunità incrementi il benessere collettivo e, in un circolo virtuoso, i benefici che nascono dall’innovazione. Le città sembrano il terreno perfetto per sperimentare nuovi modelli. È qui che vive circa il 55% della popolazione mondiale e si prevede che nel 2050 le città ospiteranno il 70% dell’umanità.

A questo proposito è molto interessante il rapporto The World in 2050 dell’IIASA (International Institute for Applied Systems Analysis) in collaborazione con SDSN (Sustainable Development Solutions Network) e SRC (Stockholm Resilience Centre). Il progetto è nato a sostegno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite. Li potete consultare qui.

Come si legge nel report: “I processi di innovazione e digitalizzazione del sistema paese e delle comunità locali toccano aspetti tecnologici, economici, sociali, etici, gestionali e logiche di cooperazione”. Tecnologia dunque, ma anche questioni sociali, culturali e persino etiche.

Per dirlo in altro modo, una Smart City sostenibile non può fare a meno di un sistema efficiente e pulito di trasporti e di raccolta rifiuti, di servizi sanitari di alta qualità, di accesso universale alla banda larga così come avviene per l’elettricità o l’acqua pulita, di processi che abilitino lo smart working riducendo la mobilità da lavoro e di sistemi avanzati di gestione dei big data. Oltre a tutto questo, una Smart City per essere tale ha bisogno di una Smart Community. Come si crea una Smart Community?

Secondo noi di MEET, è possibile farlo mettendo a punto sistemi intelligenti che abilitino e promuovano interazione e di inclusione sociale. La competenza che entra in gioco è essenzialmente il design, nel più ampio senso di progettazione. Progettando bene  le tecnologie e il digitale diventano risorse per abilitare partecipazione e condivisione, in senso lato benessere sociale, come mai prima d’ora è stato possibile. Per avviare queste dinamiche serve una governance risoluta capace di avviare processi di comprensione e consapevolezza sulla Digital Revolution. È esattamente questo il ruolo di MEET: farsi agente di una Digital Literacy non nozionistica, ma olistica in collaborazione con policy maker, associazioni e imprese del territorio.

La foto d’apertura è relativa all’incontro Meet the Media Guru con John Thackara (credit: Martina Acquistapace)

close-link
close-link